I Rovinassi al torneo Città di Rovigo

I Rovinassi al torneo Città di Rovigo

E anche questa è andata.

Il Torneo Internazionale Città di Rovigo, cui i Rovinassi partecipano per la seconda volta, è archiviato. Grande, anche questa volta, la partecipazione: abbiamo visto vecchiacci patologicamente dipendenti dalla palla ovale provenienti dal sud, dal nord, dal centro, dal sopra e dal sotto.

La cronaca.

Noi disorientati nel tempo e nello spazio, arriviamo al torneo in ritardo, ci cambiamo in ritardo e ci presentiamo sul campo, freddi e disorientati, in ritardo… giusto un attimo prima della nostra partita d’esordio. “Dove sono?”: chiede qualcuno per capire dove posizionarsi. “A Rovigo”: chiosa acuto qualcun altro. Il Battaglini è un anfiteatro storico del rugby che ci accoglie e ci emoziona. I romani del Villa Pamphili, invece, sono caldi, orientati e carichi; partono e provano a prenderci a schiaffi. So’ tosti e so’ gajardi, ‘sti romani. Ma noi siamo i Rovinassi, mica farina da far ostie. Ci ricompattiamo e lottiamo colpo su colpo. Tuttavia, i legionari approfittano di un soprannumero a destra e, come fallo ardente, ci inchiappettano. Finisce 1 a 0 per loro. E tenuto conto di come siamo arrivati, va bene così.

Il secondo incontro ci vede contrapposti ai Quatro Gati di Vicenza, la squadra che forse meglio di tutte incarna lo spirito del Rugby Old. Grandi! Vinciamo senza discussioni, ma non è questo che conta. Contano la voglia di divertirsi e il rispetto dentro e fuori dal campo. E su entrambe le cose v’è assoluta certezza.

La terza partita è una battaglia dura contro le agguerrite Jene di Badia, squadra temibile in tutti i sensi. È uno scontro di sacrificio, dove raddoppiamo quasi tutti i placcaggi. La loro apertura, cervello e motore della squadra, riceve e passa palla alla velocità della luce: implaccabile! Teniamo e persino conquistiamo terreno. Alla fine sono le Jene a prevalere di stretta misura, ma è il nostro Ricky l’eroe acclamatissimo della partita. Romano, dal canto suo, è contento: sotto la sua guida siamo cresciuti.

Finite le ostilità, durante la pausa prima del terzo tempo, si segnala un Nazzi che vaga per il prato con un bicchiere di birra in mano, lo sguardo perso nel vuoto, che continua a ripetere ossessivamente: “Hai visto che ho preso una touche?! Hai visto che ho preso una touche?!”. Poi sparisce. Chi ne ha notizie ce lo segnali.
Il terzo tempo è tutto nell’esperienza e nella maestria dei padroni di casa, i Veci del Rovigo. È il giusto e festoso lenitivo dopo le pacche.

Adesso?

Adesso, e precisamente il 9 giugno, ci aspetta il nostro Torneo: il Pro-Secco, il Torneo dee Tirache, l’evento che noi dedichiamo al nostro amico Paolo “Secco”. Vi aspettiamo numerosi per l’ennesima festa del rugby

I Veci del Rovigo.

IndirizzoC/O Rubano Roccia Rugby
Via Borromeo, 35
Sarmeola di Rubano - Padova

© 2018. Rovinassi Old Rugby - Simone Bastianello - P.I. 05126620284 - All Rights Reserved.